Eugène Ionesco lettore delle “Confessioni” di Agostino