L’utilizzazione di Sallustio nel “De civitate Dei”