“Oh quante belle figlie madama Dorè”, ovvero, della Fenomenologia del Corpo