La forma di governo regionale: statuti “a rime obbligate”?