La regola del "ragionevole dubbio" e la riforma delle impugnazioni