Il saggio ricostruisce il ciclo festivo della Settimana Santa a Taranto che ruota intorno a due eventi principali: la processione dell’Addolorata e la processione dei Misteri, che si snodano rispettivamente nella notte del Giovedì Santo e del Venerdì Santo. Gli elementi simbolici del buio e del silenzio sono usati come chiavi interpretative dei riti pasquali. Destinati a celebrare la passione e la morte del Cristo, celebrano il ciclico ritorno alla vita della identità collettiva tarantina nella dimensione irreale del sogno che la folla silenziosa concorre a creare da coprotagonista della scena festiva.

Aspetti laici di una festività religiosa: processioni pasquali a Taranto

RESTA, PATRIZIA
2006

Abstract

Il saggio ricostruisce il ciclo festivo della Settimana Santa a Taranto che ruota intorno a due eventi principali: la processione dell’Addolorata e la processione dei Misteri, che si snodano rispettivamente nella notte del Giovedì Santo e del Venerdì Santo. Gli elementi simbolici del buio e del silenzio sono usati come chiavi interpretative dei riti pasquali. Destinati a celebrare la passione e la morte del Cristo, celebrano il ciclico ritorno alla vita della identità collettiva tarantina nella dimensione irreale del sogno che la folla silenziosa concorre a creare da coprotagonista della scena festiva.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11369/10335
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact